fai una donazione

Fai una donazione

“SE POSSO FARE QUESTO POSSO FARE TUTTO”

Partecipa alla nostra mission con una donazione o diventando volontario

IBAN 61R0818435280000000083617

intestato a SportABILI – Cassa Rurale Fiemme

Ecco lo slogan dell’associazione SportABILI ONLUS impegnata a portare persone con disabilità a praticare attività sportive.

Vogliamo portare con noi tante persone disabili a godere i benefici dello sport. Per dare a tutti questa possibilità chiediamo  il minimo contributo alle persone che si avvicinano a SportABILI dopo incidenti che li hanno resi disabili fisici, o sono disabili sensoriali non vedenti o non udenti, o con disabilità intellettiva accompagnati da genitori che tornano a sorridere, assistendo all’apprendimento di pratiche sportive da parte dei loro ragazzi.

È una gioia immensa sentirsi utili al benessere di altre persone
Vi invitiamo a provare questa sensazione facendo un’esperienza di volontariato con noi osostenendo l’associazione con un contributo, anche piccolo:

Tante piccole cifre fanno importi significativi e coinvolgono tante persone.

 

 

Utilizziamo le risorse per insegnare a praticare tutti gli sport della neve, in particolare lo sci, utilizzando gli impianti di risalita del Lusia a Bellamonte – Predazzo, in Trentino e anche per acquistare gli ausili che diamo in dotazione.

In estate usciamo in escursione nelle meravigliose valli ai piedi delle Dolomiti UNESCO e mettiamo adisposizione carrozzine elettriche in grado di percorrere stradine di montagna.  Portiamo i nostri soci a cavallo, ad arrampicare , a fare rafting e tiro con l’arco, in barca a vela sul lago di Gardao al lago di Caldonazzo, in handbike sulle piste ciclabili trentine.

Siamo un bel gruppo di volontari che credono nello sport come strumento di ritorno alla gioia di vivere e di integrazione sociale, oltre che strumento di benessere fisico e spirituale personale.

Potete venire a farci visita a Predazzo in paese, in via Lagorai 111 nella sede estiva o a Bellamonte ,loc. Castelir alla partenza dell’impianto di risalita del Lusia, nella casetta in legno, sede invernale che è anche alloggio per i volontari.